IL POLLO

testo e musica Rocco Burtone

1) BALLA BALLA IL POLLO, BELLO COME APOLLO, DI MANGIME E’ SATOLLO;
GRASSO E BEN PASCIUTO, SI CREDE MOLTO ASTUTO, AL MERCATO E’ VENDUTO.
2) STRILLA IL POLLO BECCANDO IL BECCHIME
IN MEZZO AL CONCIME INNEGGIA AL REGIME.
3) I POLLI SONO MILLE IN LIBERTA’, NEL CARCERE DI TANTA AMENITA’;
FELICI DEL MANGIME D’OGNI DI’, S’AVVIANO AL MACELLO IL VENERDI’.
4) NASCE IL SOLE SOPRA LA CITTA’ DEL BUONUMORE,
NEL POLLAIO LODA LA GALLINA IL BUON FATTORE.
BALLA IL POLLO SOTTO UN CIELO BLU,
JAZZ JAZZ CON LA PAURA DEL TEMPO IN PIU’.
VA LA MUSICA IMPAZZITA CON L’ORCHESTRA DIVERTITA. VECCHIO SOUND.
GRIDA NOTE DI DOLORE, STROMBETTANDO CON STRIDORE IL VECCHIO FRAK.
IL SOLE PROIETTA VAMPE INVISIBILI / LA FOLLA RECLAMA SOGNI IMPOSSIBILI.
CORRE SULLA PISTA IN CERCA DI AGILITA’
TORCENDOSI LE ZAMPE SOGNA STABILITA’
BALLA IL POLLO BALLA CON LA COMPLICITA’ DI UN VECCHIO SWING…..

“Attenta, questo passo è difficile / ritarda un po’, indietreggia così…
e adesso vola, abbandonati alla musica / è stato bello aver danzato la vita con te.
Non scordarti di me, di questa notte fantastica,
non scordarti di me, di questo volo incontenibile.
Amore mio, la felicità ha un suo limite,
per chi come noi non ha tempo per scegliere.
E adesso maestro, dammi il tempo, dammi il tempo…
che il mio tempo è breve, è fuggevole, dammi il tempo.
E’ un tempo legato alla fame e alla frivolezza,
è un tempo drogato di passioni e presunzioni e argomenti, giustificazioni, indagini sui nemici, devo andare amore mio, continua tu…danza amore mio…e tu maestro dammi il tempo…sveglia maestro, c’è ancora poco da suonare, dammi il tempo…un due…

write

Pin It on Pinterest